Blog, News

Alla magica scoperta di Istanbul ispirazione di nuove idee per un wedding day da fiaba.

0 Comments 22 aprile 2015 - 1.001 views

Chi mi segue da tempo sa che sono sempre alla ricerca di ispirazioni per gli eventi che creo insieme al mio team. E, poiché l’ispirazione non va mai in vacanza, io e la mia macchina fotografica abbiamo deciso di trascorrere qualche giorno in una delle città più affascinanti al mondo, Istanbul.

L’antica capitale dell’impero ottomano vanta una storia millenaria che è possibile scorgere nei suoi suggestivi bazar, nelle trame dei tappeti che arricchiscono le moschee e nelle leggende che ancora si tramandano, il cui argomento è sempre quello «che muove ilsole e l’altre stelle»… l’amore.

Moltissime idee sono sbocciate visitando questa meravigliosa metropoli, idee che spero di realizzare nei prossimi matrimoni ed eventi in agenda.

Siete curiosi di scoprire Istanbul insieme a me? Tutto è pronto. Si decolla!

Giorno 1: in viaggio verso Istanbul l’antica Costantinopoli

Le compagnie aeree con le quali è possibile raggiungere Istanbul dall’aeroporto di Napoli sono Alitalia e Turkish Airlines. Durante le due ore di volo, ho letto la guida della città dotata di mappe e suggerimenti per un soggiorno perfetto.

La prima cosa da fare, una volta approdati nell’antica capitale dell’impero ottomano, è quella di recarsi ad uno sportello per il cambio della moneta. Qui infatti userete le lire turche.

Arrivati di pomeriggio, abbiamo deciso di non perdere altro tempo e di recarci in albergo con un taxi. Il prezzo medio per una corsa in un taxi dall’aeroporto al centro della città è di circa 40 lire a persona (equivalenti a 10 Euro). Il nostro voleva essere un tentativo per velocizzare i tempi che si è rivelato un erroraccio!

Istanbul è una delle città più popolate d’Europa e il traffico che si crea nelle ore di punta è inverosimile.

Il mio consiglio, quindi, è quello di utilizzare la metro che collega l’aeroporto al centro.

È possibile acquistare la Istanbul Card (Kart), grazie alla quale potrete usufruire di tutti i mezzi di trasporto della città, tram, metro e autobus, compresi i battelli che, oltre a trasportarvi dal versante europeo a quello asiatico, vi permetteranno di godere della vista di Istanbul dal Bosforo e di scattare splendide foto.

Il nostro albergo era situato nella zona di Sultanahmet, nel cuore storico della città. A pochi passi dal celebre l’Hammam di Aya Sophia, dove è possibile vivere appieno l’esperienza del bagno turco. Attenzione! Non è un’esperienza di coppia! Gli ingressi sono separati e così anche le zone interne.

Una seduta al bagno turco circa 85 lire turche con massaggio, ciabattine e asciugamano compresi.

Il Biz Cevahir Hotel Sultanahmet è stato il rifugio perfetto dopo le lunghe giornate di escursioni e la sua ricca colazione internazionale ci ha dato la carica ogni giorno per metterci in moto.

http://www.booking.com/hotel/tr/biz-cevahir-sultanahmet.it.html.

Giorno 2: alla scoperta di Sultanahmet

La nostra giornata è cominciata nel quartiere in cui sorgono i tre edifici più conosciuti di Istanbul: la Moschea Blu, Haghia Sofia e il Palazzo Topkapi. La Moschea Blu ha catalizzato i nostri sguardi e confesso che non mi è bastata vederla una sola volta.

Blu, come le onde del mare che avvolgono la città. Blu come il cielo che avvolge i suoi alti minareti. Blu come il colore che all’interno dell’edificio predomina, scontrandosi con il rosso acceso dei tappeti e con la luce che i lampadari sospesi sopra le nostre teste producevano.

Guardando ciò che la sua arte ha prodotto, Istanbul fa volare in alto la mia immaginazione. Il pensiero va a come realizzare un nuovo tipo di invito per uno speciale wedding day e molto altro ancora..

Non dimenticate di portare con voi un foulard perché è necessario coprire il capo e togliersi le scarpe per accedere nella moschea.

Inoltre i turisti accedono alla Moschea da un ingresso secondario, mentre i mussulmani si lavano i piedi prima di entrare.

Subito dopo era la volta di Haghia Sofia, una chiesa commissionata dallo stesso imperatore Costantino che in epoca ottomana divenne una moschea.

Quello che maggiormente colpisce all’interno sono gli enormi lampadari che sfiorano le teste dei turisti: un contrasto netto se pensate che in realtà la cupola dell’edificio è ben più alta.

Luci soffuse e lampadari bassi: immaginate un banchetto nuziale con questa atmosfera arabeggiante da mille e una notte!

Ultima tappa della giornata, è stata la visita all’imponente Palazzo Topkapi, antica residenza dei sultani turchi, in cui predominano l’oro e il giallo, colori che rievocano ricchezza e lusso.

Uno sguardo all’affascinante Harem era d’obbligo.

L’ispirazione che questi intarsi hanno prodotto si concretizzerà in un particolare save the date adorno di stemmi dai toni dorati.

Questo è infatti un posto suggestivo e magico in cui sono nate molte leggende tra cui quella di Roxelana: venduta come schiava al sultano Solimano il Magnifico, riuscì a farlo innamorare grazie ai suoi capelli rossi e alla sua risata, per quale ricevette il sopranome di Hurrem ovvero La Ridente. Per amor suo, il sultano ripudiò la concubina ufficiale e suo figlio, il futuro erede al trono. Il potere di un sorriso non ha prezzo…

Il viaggio ad Istanbul continua… stay tuned!


Facebook Comments

Comment & Share


Share your view

Post a comment

Weddings Luxury Corsi

Wedding Fresh Ideas

ze u 2 08 NQ6A7339 zt NQ6A7757 15 36
wedding planner press

wedding planner contact

wedding planner magazine

© 2017 Cira Lombardo Wedding Planner.
Communication & Creative Coaching imaginepaolo.com
Powered by Wordpress.

Cira Lombardo Event Creator

Continuando la navigazione sul nostro sito, accetti l'utilizzo di cookie tecnici. Più informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi